Referendum abrogativi 2022

Sono indetti, per domenica 12 giugno 2022, cinque Referendum popolari abrogativi (ex art. 75 della Costituzione), dichiarati ammissibili con le relative sentenze della Corte Costituzionale del 16 febbraio e 8 marzo scorsi).

I Quesiti oggetto della consultazione referendaria

a) Incandidabilità dopo la condanna per abrogare la parte della Legge Severino che prevede l’incandidabilità, l’ineleggibilità e la decadenza automatica per parlamentari, membri del Governo, consiglieri regionali, sindaci ed amministratori locali nel caso di condanna per reati gravi;

b) Custudia cautelare durante le indagini: con cui si chiede di togliere la reiterazione del reato dai motivi per cui i giudici possono disporre la custodia cautelare in carcere o i domiciliari per una persona durante le indagini e quindi prima del processo;

c) Seperazione della carriere: con cui si chiede lo stop delle cosiddette porte girevoli impedendo al magistrato durante la sua carriera la possibilità di passare dal ruolo di giudice a quello di pubblico ministero e viceversa;

d) Valutazione degli avvocati sui magistrati: con cui si chiede che gli avvocati parte di consigli giudiziari possano votare in merito alla valutazione dell’operato dei magistrati e della loro professionalità;

e) Riforma Consiglio Superiore della Magistratura: con cui si chiede che non ci sia più l’obbligo di un magistrato di raccogliere da 25 a 50 firme per presentare la propria candidatura al Consiglio Superiore della Magistratura.

Le operazioni di voto inizieranno domenica 12 giugno 2022 dalle ore 7 e termineranno alle ore 23.

 

Scadenza termine per presentare opzione: 11 maggio 2022

Gli elettori italiani che, per motivi di lavoro, studio o cure mediche, si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento della consultazione elettorale del 12 giugno 2022, possono produrre espressa opzione – valida esclusivamente per la medesima consultazione elettorale alla quale si riferisce – per esercitare il voto per corrispondenza.

L’opzione per il voto potrà essere prodotta altresì dai familiari con essi conviventi.

L’opzione dovrà pervenire al comune italiano di iscrizione nelle liste elettorali entro e non oltre il trentaduesimo giorno antecedente la data delle elezioni, e cioè entro l’11 maggio 2022 (art.4-bis della legge 27 dicembre 2001, n.459, modificato dall’art.6, comma 2, lettera a), della legge 3 novembre 2017, n.165).

Per l’esercizio dell’opzione potrà essere utilizzato il modello allegato in formato accessibile ed editabile.

La dichiarazione deve essere inviata all’Ufficio Elettorale del Comune di Valmontone con una delle seguenti modalità:

  • Per posta all’indirizzo: Ufficio Elettorale Comune di Valmontone, Via Nazionale 5 – 00038 Valmontone (RM);
  • Mediante mail all’indirizzo: protocollo @comune.valmontone.rm.it
  • Mediante PEC all’indirizzo: protocollo @cert.comune.valmontone.rm.it
  • A mano, anche da persona diversa dall’interessato previo appuntamento telefonico ai numeri: 06/95990279 – 06/95990278 – 06/95990295 dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 13,00, il martedì e giovedì anche pomeriggio dalle ore 14,00 alle 18,00.

Si ricorda che il termine del 11 maggio 2022 è tassativo e non derogabile: oltre tale data le opzioni non potranno essere accolte (l’opzione è valida solo per le consultazioni Referendarie del 12 giugno 2022). Entro lo stesso termine è possibile la revoca della medesima opzione.

 

Allegati